TJF 2021

Il TJF approda alla nona edizione con l’ambizione di accompagnare con la musica il desiderio di ripartenza che tutti proviamo. Nonostante i tempi complessi il Festival mantiene l’alto livello qualitativo che lo contraddistingue ospitando artisti internazionali ai quali si affiancano artisti e maestranze del panorama italiano della musica dal vivo, con l’intento di continuare l’azione di sostegno che la Città ha intrapreso sin dalla scorsa edizione.

Ulteriore spazio è offerto dal TJF all’aspetto formativo e ai giovani musicisti che studiano il jazz e ne praticano le forme espressive; sfogliando il programma si possono, infatti, apprezzare conferenze tematiche di alto livello e concerti che vedono gli studenti esibirsi sui palchi più prestigiosi della rassegna.

Il necessario rispetto delle misure di sicurezza e le difficoltà logistiche rendono questa edizione speciale: è evidente lo sforzo ideativo e organizzativo messo in campo per poter proporre il palinsesto ora sotto i nostri occhi. Un sentito ringraziamento va dunque a chi realizza materialmente il festival: i jazzisti sui palchi, i tecnici e la direzione artistica affidata a Diego Borotti e Giorgio Li Calzi. Questi mesi dominati dal Covid-19 hanno svelato quante siano le professionalità coinvolte nel mondo dell’arte e quale rezioso lavoro svolgano “dietro le quinte”. Un ultimo ringraziamento va all’attore più importante, quello che si trova di fronte al palco: il pubblico, con il suo entusiasmo nel voler tornare a frequentare i concerti e gli incontri.

Buon TJF 2021 a tutte/i.

Chiara Appendino
Sindaca di Torino

Francesca Leon
Assessora alla Cultura di Torino

La presentazione dei direttori artistici

“Tradizione è custodire il fuoco, non adorare le ceneri” Gustav Mahler. Il jazz esalta l’individualità innovatrice invece di mortificarla in nome della cultura ufficiale, ha una grande memoria statica ma è votato al guizzo dinamico verso il futuro, sublima nel gioco culturale la lotta generazionale. Il jazz e il TJF sopravvivono alla sventura planetaria grazie alle donne ed agli uomini che lo creano, lo mettono in scena e l’ascoltano. Andare a un concerto di jazz significa partecipare alla storia, spesso sofferta, di migliaia di uomini e donne che hanno scelto un percorso più monastico che mondano. È stato rivoluzionario per Billie Holiday intonare Strange Fruit al Cafè Society di New York nel 1939 così come lo è oggi resistere e mettere in scena il meglio della propria arte in ogni festival sopravvissuto.

Diego Borotti
Direzione Artistica

Il jazz è sempre stato sinonimo di terra di confine e libertà di espressione. E mai come oggi, anche la parte fortunata del pianeta, il nostro mondo occidentale, ha compreso l’importanza di poter varcare un confine per sentirsi liberi, una piccola cosa rispetto a chi fugge dalla disperazione per migliorare la propria condizione e quella dei propri figli.
Il jazz rappresenta nella musica quella libertà che nasce dall’imprevisto della vita, elemento destabilizzante che genera anticorpi e adattamento insieme alla speranza e alle condizioni di poter creare una nuova società e un nuovo linguaggio. Fondamentalmente i cicli della storia si ripetono, ma per fortuna i mutamenti creano nuove forme di vita.
Vi aspettiamo al TJF 2021, un festival contemporaneo fortemente ancorato al terreno e pensato per una collettività che ha voglia di conoscere tutto ciò che sta intorno a sé e tutto ciò che sta al di fuori di un semplice concerto.

Giorgio Li Calzi
Direzione Artistica