Torino Capitale del jazz: Gli anni dello Swing club

Venerdì alle ore 19.00 presso il Blah Blah di via Po verrà presentato un romanzo dell’attore-scrittore Toni Bertorelli dal titolo significativo: L’effetto del Jazz (Iacobelli editore, 2013). Un centinaio di pagine che si leggono d’un fiato e ci portano a ritroso nel tempo agli anni eroici in cui lo Swing Club era il regno incontrastato del jazz nel nostro Paese, un locale che se la giocava alla pari con le migliori caves di Parigi. Lo sottolinea spesso l’autore e ce lo conferma -con simpatia partenopea- Tullio De Piscopo nella prefazione, ricordando i giorni in cui muoveva da Torino i suoi primi passi da professionista. Durante la serata verranno sicuramente ricordati i nomi dei grandi jazzisti americani che si sono esibiti allo Swing: dai Miles Davis, Kenny Clarke, Mal Waldron, fino ai nostri campioni Gianni Basso ed Enrico Rava. L’incontro  di venerdì sarà impreziosito dagli interventi di Marco Basso, Alberto Gozzi e dal suono “live” del sassofono di Guido Scategni. Il contesto giusto per rievocare una Torino d’altri tempi, con una vita notturna insospettabilmente ricca. E, deve aver giustamente pensato Bertorelli, degna di un romanzo, costellato di personaggi curiosi, romantici, stralunati. Costantemente ammalati di jazz.