OMAR SOSA QUARTETO AFROCUBANO

01 giugno - ore 21:00 Piazza San Carlo

Omar Sosa, pianoforte fender rhodes, electronics
Leandro Saint-Hill, sassofoni, flauto
Childo Tomas, basso, voce, m’bira
Ernesto Simpson, batteria

Esclusiva italiana

 

OMAR SOSA

Omar Sosa - Quartetto AfrocubanoOmar Sosa oggi vive a Londra, dopo essere emigrato da Cuba nel 1993. Negli anni ha forgiato un particolare motivo musicale, fondendo una serie di armonie musicali mondiali, hip-hop e elettronica con elementi che risalgono alle sue radici afro-cubane.
Ha ricevuto sei nomination al Grammy, due BBC Radio 3 Awards for World Music nominations, e il Lifetime Achievement Award dagli Smithsonian Associates di Washington.
Il nuovo album di Omar Sosa, Ilé, segna un “ritorno a casa” per il pianista e compositore. ilé significa “patria” nella lingua Yoruba dell’Africa Occidentale. Omar Sosa con questo lavoro, vuole tornare alle origini traendo ispirazione dalle radici dei nativi cubani.
Un album jazz-latino fortemente influenzato dai suoi anni formativi: alla fine degli anni 80 e inizio degli 90 all’Havana; durante questo periodo, Omar Sosa incontra la musica di Lázaro Ross, Rubén González, Machito, Lili Martinez, Peruchin, Chucho Valdés, e Irakere.

QUARTETO AFROCUBANO – Sul palco insieme a Omar salgono tre musicisti con i quali c’è una profonda amicizia. Ernesto Simpson è uno dei più ambiti batteristi della sua generazione, sia per le registrazioni in studio che per le tournée. Suona con Richard Bona e Gonzalo Rubalcaba e ha diviso il palco con Herbie Hancock, George Benson, Dizzy Guillespie e Paquito D’Rivera. Questi musicisti parlano la stessa lingua, le loro tradizioni cubane e Africane sono il trampolino di lancio verso la libertà creativa. Il Quarteto AfroCubano di Omar esplorerà interpretazioni contemporanee di alcuni degli stili musicali classici di Cuba tanto apprezzati in tutto il mondo: Danzón, Cha-Cha-Cha, Bolero, Changui. Tutto il materiale è influenzato dalle potenti tradizioni africane: Santería, Abakua, Makuta, Ñongo, e Palo Monte.
Il repertorio del gruppo include una serie di composizioni firmate da Sosa tra cui Cha Cha Du Nord, Mis Tres Notas e Iyawo, quest’ultima caratterizzata da un’irresistibile espressione di son montuno. Il risultato è un personale viaggio musicale nella tante tradizioni afrocubane, arrangiate con le armonie contemporanee.

Dove