The Mingus Dynasty Meets The Torino Jazz Orchestra – Main Event

26 aprile - ore 18:00 Piazzale Valdo Fusi

Boris Kozlov, contrabbasso
Adam Cruz , batteria
Jim Ridl, piano
Craig Handy, sax tenore, soprano, flauto
Claudio Chiara, sax alto
Brandon Wright, sax alto
Valerio Signetto, sax tenore
Helga Plankensteiner, sax baritono
Robin Eubanks, trombone
Stefano Calcagno, trombone
Gianfranco Marchesi, trombone basso, tuba
Andrea Tofanelli, tromba
Philip Harper, tromba
Vito Giordano, tromba

Produzione del Torino Jazz Festival

Per il concerto principe di questo omaggio alle big band e a due autentici giganti del jazz entra
in scena la figura di Charles Mingus per una vera sorpresa, in una produzione originale del TJF.
La Dynasty e la TJO uniranno le forze, affollando il palco di Piazzale Valdo Fusi fino
all’inverosimile. Improvviseranno insieme ma proporranno anche arrangiamenti appositamente
preparati per l’occasione. Il Big Band Day diventerà sicuramente un big bang (sonoro)! Chi le
ha sentite separatamente sa quanto valgono queste due formazioni: scopriremo durante il
concerto quanto sapranno essere esplosive insieme. Mingus, che amava sentire organici di
grosse dimensioni ruggire e swingare, approverebbe.

Mingus Dynasty

Mingus DynastyQuesto gruppo fu il primo che Sue Mingus mise insieme per celebrare la musica di Charles dopo la sua morte, avvenuta nel 1979. Mingus, che si era sempre considerato principalmente un compositore e solo di conseguenza un contrabbassista, aveva lasciato una eredità di circa trecento brani che non erano ancora stati suonati e che andavano assolutamente fatti conoscere al pubblico. La moglie Sue, per tenere viva la memoria e proseguirne l’opera, riunì la prima incarnazione della Mingus Dynasty con i migliori musicisti che avevano fatto parte dei suoi gruppi. Dopo più di trent’anni di attività il settetto ha visto passare nomi di vaglia del jazz americano e ora rappresenta una miscela esplosiva di nuovi talenti e di veterani inossidabili. In questi anni sono stati parte dell’ organico: Seamus Blake, Frank Lacy, Kenny Drew Jr., Dave Kikoski, Jeff “Tain” Watts, Adam Cruz e molti altri. Di questo manipolo scelto sul palco avremo due colonne del sacro furore mingusiano come Craig Handy e Boris Kozlov.

Torino Jazz Orchestra

Rappresenta l’eredità di Gianni Basso, uno tra i massimi esponenti del jazz italiano. Dopo anni di attività come Gianni Basso big band, l’organico, per volere del maestro, ha preso il nome di Torino Jazz Orchestra. Basso ha continuato a dirigerla fino al momento della scomparsa, avvenuta nell’agosto 2009; da allora la responsabilità artistica del complesso è stata assunta da Fulvio Albano. Nel loro curriculum spiccano collaborazioni con Dusko Gojkovic (arrangiatore ufficiale della Band), Johnny Griffin, Franco Cerri, Toots Thielemans, Dee Dee Bridgewater, Valery Ponomarev. Nella prima edizione del Torino Jazz Festival la TJO ha suonato con Dionne Warwick.

Dove