Il JAZZ DELLA LIBERAZIONE

25 aprile - ore 15:30 Museo Diffuso della Resistenza

BIG BAND THEORY – MUSICHE DI LIBERAZIONE E LETTURE DI RESISTENZA

The Big Band Theory

Luca Begonia, direzione, arrangiamenti
solista ospite: Claudio Capurro, sassofoni, flauto, clarinetto

Ingresso libero

Un pomeriggio swing in compagnia della Big Band Theory, che eseguirà i brani di moda dagli anni Trenta fino al termine del conflitto. Ascolteremo alcune celebri melodie di Glenn Miller, che con il grado di maggiore diresse una orchestra dell’aviazione americana incaricata di allietare il morale delle truppe di stanza in Europa. Miller scomparve improvvisamente nel dicembre del 1944 mentre sorvolava la Manica per raggiungere Parigi, dove avrebbe dovuto suonare in onore della liberazione della capitale da poco avvenuta. L’esibizione della Big Band sarà intervallata da letture sui temi della Resistenza e della Liberazione curate dall’Istoreto, alternate a pensieri relativi al jazz di quel periodo storico, selezionati da Franco Bergoglio.

Visite guidate. Per tutto il pomeriggio, a partire dalle ore 15.00, si potrà visitare il Palazzo e gli Istituti presenti: l’Archivio nazionale cinematografico della Resistenza, il Centro Internazionale di Studi Primo Levi, l’istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea “Giorgio Agosti” e il Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà.

THE BIG BAND THEORY

Big Band Theory nasce da una lunga esperienza di studio con l’efficace direzione del maestro Luca big-band-theoryBegonia ed è parte della proposta formativa del dipartimento jazz dell’associazione AR.CO.TE – Atelier della Arti Contemporanee e Terapeutiche.

Claudio Capurro, direttore della Big Borgo Band, è il capofila dei sassofonisti genovesi. Perfettamente a suo agio con contralto, soprano, flauto e clarinetto, vanta una lunga carriera che va dal recupero dello swing per big band a collaborazioni con Tullio De Piscopo e Rossana Casale.