ENZO AVITABILE E I BOTTARI DI PORTICO

29 aprile - ore 21:00 Piazza Castello

Enzo Avitabile, sassofono tenore, voce
Gianluigi Di Fenza, chitarra
Raffaele D’Amico, botte
Carmine Pascarella, tromba
Antonio Bocchino, sassofono baritono
Gianpaolo Palmieri, basso
Diego Carboni, tastiere
Mario Rapa, batteria
Carmine Romano, capopattuglia
Massimo Piccirillo, falce
Raffaele, tino
Francesco Stellato, tino
Salvatore Guida, tino
Raffaele D’Amico, botte

Ingresso libero

ENZO AVITABILE

Enzo AvitabileEnzo Avitabile decide di valorizzare al massimo il patrimonio musicale della sua terra e così nasce la voglia di incontrare, in un progetto musicale inedito, i Bottari di Portico: un ensemble che fa del ritmo ancestrale la sua unica fede. Sul palco botti, tini, falci, strumenti atipici diretti dal capo pattuglia cadenzano antichi ritmi processionali che producono una vera e propria trance: non techno, ma “folk”. Una proposta innovativa in cui Avitabile fonde il personale sound con la tradizione di questi percussionisti, le cui origini risalgono al XIII Sec. Un’idea ripagata anche dal successo commerciale in tutto il mondo, fino alla recente consacrazione definitiva con il docu-film del regista premio oscar Jonathan Demme, Enzo Avitabile Music Life (2012), interamente girato a Napoli, che racconta la vita e la musica di questo straordinario musicista cogliendola nel suo “ambiente” naturale. In perfetta comunione con la sensibilità di Demme, le partiture di Avitabile, sempre aperte alla contaminazione e alla differenza, esibiscono una solidarietà per gli oppressi e un’empatia per le diversità, non solo musicali. Il film vede anche la partecipazione di numerosi musicisti vicini ad Avitabile, con nomi del calibro di Manu Dibango, Trilok Gurtu, Bob Geldof, Mario Brunello e tanti altri ancora. Il film viene proiettato il 29 aprile nella rassegna presso il Cinema Massimo, dove alla fine del film Avitabile in persona incontrerà il pubblico.
Enzo Avitabile aveva già una lunga esperienza di interprete di soul-blues partenopeo e collaborazioni di lusso nell’ambito della musica nera: James Brown, Tina Turner, Richie Havens, Afrika  Bambaataa, Randy Crawford, per fare i nomi grossi; quando d’un tratto decise che era ormai diventato indispensabile “disamericanizzare” il proprio linguaggio musicale. Da lì è nata la seconda parte della carriera di Avitabile, quella che lo ha visto tornare alle radici della sua terra e della musica.